Corpo, suono, voce e movimento, le risorse non verbali per la libera espressione e l'integrazione
nella foto: Corpo, suono, voce e movimento, le risorse non verbali per la libera espressione e l’integrazione
5 luglio 2019

Corpo, suono, voce e movimento, le risorse non verbali per la libera espressione e l’integrazione

  • Aumenta il carattere
  • Diminuisci il carattere

Concluso a Nepi il progetto di musicoterapia al quale hanno partecipato
11 utenti del servizio di salute mentale

Sono undici gli utenti seguiti dal servizio di salute mentale, provenienti da Vallerano, Nepi e Civita Castellana, che hanno partecipato al progetto di musicoterapia “Corpo, suono, voce e movimento”.

L’iniziativa si è svolta nell’arco di quindici incontri, dal 22 gennaio al 24 giugno 2019, organizzati e condotti dall’Associazione culturale Leonardo presso la scuola comunale di Musica di Nepi.

Il percorso si è articolato in due fasi. La prima conoscitiva tra gli attori istituzionali (il Comune di Nepi, il servizio di salute mentale con le operatrici Daniela Ciaffaroni e Anna Fiorani, la cooperativa sociale coinvolta e le musicoterapiste) e tra gli stessi e gli utenti, non presentati con le loro diagnosi, ma semplicemente come cittadini partecipanti attivamente all’esperienza.

La seconda fase, di avvio del percorso musicoterapico vero e proprio, ha visto invece i partecipanti confrontarsi sia con la libera composizione che con un materiale musicale proposto come stimolo per far emergere le risorse e le capacità espressive di ciascuno, ma anche le loro resistenze, difese e chiusure.

“Si è creato un clima di gruppo molto positivo- commentano Daniela Ciaffaroni e Anna Fiorani -, soprattutto quando i partecipanti hanno proposto e cantato le loro canzoni preferite, accompagnati alla chitarra dalla terapista, esprimendosi con la voce, con la musica e con il corpo, e lasciando trasparire i propri contenuti emotivi in un modo sempre più ricco. Ciò ha portato a una facilitazione della comunicazione affettiva, verbale e non verbale, e a una maggiore padronanza espressiva, relazionale, cognitiva e dello spazio e del movimento corporeo”.