La Pasqua diventa rosa all'Oncologia di Belcolle con i lavori del laboratorio decorativo
nella foto: La Pasqua diventa rosa all’Oncologia di Belcolle con i lavori del laboratorio decorativo
2 aprile 2019

La Pasqua diventa rosa all’Oncologia di Belcolle con i lavori del laboratorio decorativo

  • Aumenta il carattere
  • Diminuisci il carattere

L'incontro con le donne in cura presso la struttura viterbese
si è svolto ieri con la collaborazione dell'associazione Yarn Bombing

Ieri pomeriggio, presso l’unità operativa di Oncologia di Belcolle, si è svolto il laboratorio decorativo organizzato con la collaborazione dell’associazione Yarn bombing.

Come nei precedenti laboratori, che ormai animano regolarmente il reparto viterbese, l’incontro è stato reso possibile grazie all’impegno della dottoressa Agnese Fabbri, dell’infermiera Angela Ventura, del direttore Enzo Maria Ruggeri e del sostegno immancabile delle associazioni Aman e Beatrice onlus.

“Insieme alle pazienti dell’oncologia – spiega Agnese Fabbri – abbiamo deciso di utilizzare questa occasione per stare insieme e per decorare, rendendoli più accoglienti, i locali della chemioterapia con alberi e uova realizzati a mano, utilizzando la lana e altri materiali. Attraverso i laboratori, attivi ormai da più di un anno, intendiamo prendere in carico non solo i bisogni di salute delle nostre pazienti, ma anche condividere con loro le tante problematiche strettamente collegate alla malattia. La partecipazione e il gradimento delle donne ci incoraggiano a proseguire questo percorso formativo anche per noi operatori, umanamente parlando”.

Un grazie, quindi, va a tutti coloro che si stanno impegnando e che stanno fattivamente sostenendo queste iniziative. Nel caso specifico, l’associazione Yarn bombing nata nel 2014 da un gruppo di donne che, armate di uncinetto e ferri, in più occasioni ha colorato la città di Viterbo con i filati e i materiali più svariati.

 

 

Foto n. 1 Foto n. 2 Foto n. 3 Foto n. 4 Foto n. 5 Foto n. 6 Foto n. 7 Foto n. 8 Foto n. 9 Foto n. 10 Foto n. 11 Foto n. 12 Foto n. 13 Foto n. 14 Foto n. 15 Foto n. 16